Compriamo auto americane: come funziona

Comprare auto americane in Italia, così come rivenderle, non è semplice a causa delle differenze costruttive tra le auto prodotte oltreoceano e quelle europee.

Le auto “made in USA” sono infatti prodotte secondo requisiti diversi rispetto a quelli italiani. Per questo motivo è bene conoscere la normativa che regola l’importazione e la vendita di auto americane nel nostro paese.

È importante sapere quali sono i modelli più in voga, per capire le possibilità di vendita o su quali modelli orientarsi se interessati all’acquisto di auto americane. Con Noicompriamoauto.it la vendita della tua auto americana sarà senza intoppi.

Valutare
Fissa un appuntamento

Valuta online la tua auto

Ottieni una perizia non vincolante

Vendi solo se lo vuoi

1. Perchè è difficile vendere e comprare auto americane in Italia

Vendere e acquistare auto americane in Italia non è facile come comprare l’ultimo modello di Fiat o Mercedes. Ci sono dei concessionari specializzati e dei siti web su cui trovare auto di questo tipo in vendita, ma è necessario essere preparati sull’argomento per evitare truffe o problemi nell’ottenere il permesso di circolare. Del resto, acquistare un’auto a stelle e strisce per poi essere costretti a tenerla in garage non è un bell’affare.

Pochi concessionari sono disposti a trattare questo tipo di veicoli, per un duplice motivo: le loro peculiarità costruttive, che potrebbero non rispettare gli standard imposti dall’Europa, e la bassa domanda di questo tipo di auto sul mercato locale. Un’auto proveniente dal mercato americano va inoltre necessariamente adattata e collaudata presso un organo accreditato prima di poter essere immatricolata presso l’ufficio provinciale della motorizzazione e iscritta al PRA, in modo da poter circolare.

In seguito all’importazione in Italia di un’auto “made in USA”, è necessario apportare alcune modifiche per soddisfare le normative europee e passare così il collaudo. In seguito è possibile procedere con l'immatricolazione presso la motorizzazione.

Documenti

Quando ci si presenta in motorizzazione per il collaudo e l’immatricolazione è necessario fornire i seguenti documenti: il COC (Certificato di Conformità), la scheda tecnica del costruttore o dell'importatore, le fotocopie di carta di identità e codice fiscale, la scheda tecnica ASI, la bolla doganale (dimostra che il veicolo è di vostra proprietà e che avete assolto gli obblighi doganali di IVA e dazio), la Registration Card (tassa di proprietà), le targhe americane, la prova dell’assicurazione e il Title (libretto americano).
In caso di “doppia targatura” dovete fornire anche la carta di circolazione. Se non potete fornirla, perchè smarrita o ritirata, sarete costretti a seguire la procedura di immatricolazione diretta in Italia, apportando al veicolo le modifiche richieste.

Modifiche

Le modifiche richieste quando si importa un’auto dagli States riguardano nella quasi totalità dei casi l’impianto di illuminazione e la scala dello strumento di velocità, che deve essere convertito da miglia in kilometri.

Le modifiche all’impianto di illuminazione includono il cambio delle frecce, che da rosse devono diventare arancioni; la sostituzione delle luci di posizione anteriori, negli Usa gialle e in Europa bianche; l’aggiunta dei fendinebbia posteriori, non montati dalle case automobilistiche USA.

Normalmente, la freccia posteriore nelle auto americane funge anche da stop e risulta quindi necessario sostituire l'intero gruppo faro e apportare le relative modifiche all'impianto elettrico.

Doppia targatura

Una soluzione scelta da molti italiani, sia per praticità che per il risparmio economico comportato, è l’immatricolazione dell’auto tramite la cosiddetta “doppia targatura” Germania/Italia. In sostanza l’auto viene targata in Germania, dove la motorizzazione Tedesca (TÜV) accetta i dispositivi d’illuminazione americani, e successivamente viene immatricolata in Italia. In questo modo la macchina americana, provenendo ufficialmente da un paese europeo (Germania) e presentando targa tedesca, non ha problemi ad essere targata in Italia. Questo procedimento viene eseguito da molte agenzie presenti sul mercato e il processo dura normalmente circa un mese.

Immatricolazione diretta in Italia

La pratica più costosa, ma anche la più regolare, è l’immatricolazione diretta nel nostro Paese. Per immatricolare l’auto in Italia è necessario rivolgersi alla motorizzazione, la quale richiede che alle vetture americane vengano eseguite le necessarie modifiche per rispettare gli standard imposti dall’Europa. È vivamente consigliato di rivolgersi a degli esperti per effettuare queste modifiche, in modo da non incontrare nessun problema durante il collaudo in motorizzazione.

2. È possibile circolare in Italia con targa americana?

Per svariati motivi può esserci la necessità o il desiderio di circolare in Italia con la targa americana. È possibile? Si, ma con restrizioni. L’articolo 132 del Codice della Strada italiano regola la “Circolazione dei veicoli immatricolati negli Stati Esteri”:

“Gli autoveicoli, i motoveicoli e i rimorchi immatricolati in uno Stato Estero e che abbiano già adempiuto alle formalità doganali o a quelle di cui all’articolo 53, comma 2, del D.L. 30 agosto 1993, n.331, se prescritte, sono ammessi a circolare in Italia per la durata massima di un anno, in base al certificato di immatricolazione dello Stato di origine.”

È quindi possibile circolare in Italia con la targa originale americana, ma solo per la durata di 1 anno e avendo sempre con sé i seguenti documenti in originale: il Title, la bolla doganale, la fattura di acquisto, la Registration Card, e l’assicurazione. Passato il periodo di un anno, è obbligatorio targare l’auto con targa Italiana, pena il sequestro immediato del veicolo e le relative sanzioni amministrative.

3. Vendere auto americane a Noicompriamoauto.it

Noicompriamoauto.it si occupa dell’acquisto di auto americane: Cadillac, Chevrolet, Chrysler, Corvette, Dodge, Ford, Hummer, Jeep e e Pontiac. Rivolgendoti al nostro servizio potrai ottenere una valutazione gratuita della tua auto americana e vendere in modo facile e veloce ricevendo il pagamento per sicuro bonifico bancario.

valutazione online

Valutazione online
Sul sito puoi utilizzare gratuitamente lo strumento di valutazione che ti invierà in pochi minuti una email contenente il valore di mercato della tua auto americana. Il servizio non comporta nessun costo.

valutazione online

Perizia in filiale
Dopo aver ottenuto una prima valutazione online, hai la possibilità di prenotare un appuntamento gratuito in filiale. Un esperto valuterà la tua auto considerando accessori, condizioni della carrozzeria e degli interni e ti comunicherà l’offerta definitiva di acquisto della tua auto americana.

valutazione online

Vendita e bonifico
Se sei interessato all’offerta ricevuta potrai vendere la tua auto e ricevere il pagamento tramite sicuro e tracciabile bonifico bancario. Non dovrai occuparti della burocrazia, di contrattare con eventuali compratori o di altri compiti che invece avresti nel caso se mettessi in vendita la tua auto privatamente su un sito web o su una rivista.

Valutazione gratuita del tuo veicolo in un clic