Passaggio proprietà auto: come evitarne il pagamento

Se vendi la tua macchina usata, dovrai per forza occuparti del Passaggio di proprietà dell’auto, cioè la registrazione dell’atto di vendita al PRA (Pubblico Registro Automobilistico).

Puoi affidarti alle agenzie di pratiche auto, oppure puoi farlo tu presso gli Sportelli Telematici dell'Automobilista (STA), la Motorizzazione Civile (DTT) o l'ACI, risparmiando in questo caso circa 100 euro, ma investendo più tempo.

C’è un modo per evitare di pagare il passaggio di proprietà dell’auto? Sì, è possibile se vendi la tua macchina usata a Noicompriamoauto.it!

Valutare
Fissa un appuntamento

Valuta online la tua auto

Ottieni una perizia non vincolante

Vendi solo se lo vuoi

1. Passaggio di proprietà auto: dove si effettua?

Quando si procede con la vendita di un’auto usata, è necessario effettuare il passaggio di proprietà che rappresenta l’atto di trascrizione della titolarità del mezzo e sancisce il passaggio da un proprietario all’altro. Per effettuare il passaggio di proprietà, è possibile rivolgersi all’ACI (Automobile Club Italiano) nato per dare assistenza a tutti i cittadini che posseggono un veicolo e alla sua burocrazia, e alla Motorizzazione Civile, che si occupa della gestione burocratico-amministrativa delle pratiche relative al trasporto civile.

Un passaggio di proprietà, quindi, si considera regolarmente effettuato quando viene registrato, entro sessanta giorni dall’autentica della firma del venditore sull’atto di vendita, all’Ufficio provinciale dell’ACI – Pubblico Registro Automobilistico (PRA), che rilascerà il certificato di proprietà aggiornato, e quando viene aggiornata la carta di circolazione a cura dell’Ufficio provinciale della Motorizzazione Civile.

Nello specifico, il certificato di proprietà attesta l’effettiva proprietà del veicolo. Su questo documento sono riportati - oltre ai dati del proprietario - la targa, il numero di telaio, la data di prima immatricolazione, i cavalli fiscali ed eventuali ipoteche che gravano sul veicolo.

2. I documenti necessari per il passaggio di proprietà

Sia che tu ti rivolga ad un’agenzia, sia che tu decida di occuparti del passaggio di proprietà auto autonomamente, questi sono i documenti di cui hai bisogno per completare la procedura:

  • Certificato di Proprietà (CdP)
  • Carta di circolazione originale e una fotocopia della stessa
  • Documento di identità e il codice fiscale dell’acquirente (due copie di ciascuno)
  • Documento di identità del venditore
  • Modulo TT2119, che serve per la richiesta di aggiornamento della carta di circolazione e che è reperibile gratuitamente presso gli sportelli telematici dell’automobilista (STA) presenti su tutto il territorio nazionale

3. A quanto ammonta il costo del passaggio di prorietà?

Il costo del Passaggio di proprietà auto è composto da una quota fissa ed una variabile. Fanno parte della quota fissa:

  • Emolumenti ACI (PRA): 27 €
  • Imposta di bollo per trascrizione al PRA: 32 € (oppure 48 € se l’atto non è redatto sul certificato di proprietà)
  • Imposta di bollo per aggiornamento carta di circolazione: 16 €
  • Diritti MCTC: 9 €

I costi più elevati, però, sono quelli variabili, costituiti dalla Imposta Provinciale di Trascrizione (Ipt), che dipendono da Cv/kW e luogo di residenza. Quando la potenza dei veicoli è inferiore ai 53 kiloWatt l’Ipt viene determinata in misura fissa, altrimenti si paga 3,5119 € a KW.

4. I diversi certificati per il passaggio di proprietà auto

(1) Passaggio di proprietà con certificato di proprietà cartaceo

Se sei in possesso di un certificato di proprietà cartaceo, questa sarà sicuramente la procedura più semplice: puoi procedere subito con l’atto di vendita. Bisogna far autenticare l’atto di vendita dell’auto sul certificato di proprietà, in questo modo viene garantita la data in cui è avvenuta la vendita. È possibile recarsi:

  • Presso un Comune
  • Un ufficio STA: uffici provinciali della ex MCTC, Studi di Consulenza abilitati e uffici provinciali dell’ACI (il PRA). Qui la firma può essere autenticata gratuitamente. L’operazione allo STA comporta in automatico la richiesta di registrazione del passaggio di proprietà, quindi questa è la soluzione più veloce per completare il passaggio
  • Presso un notaio ad un costo variabile di 30/40 euro

I documenti necessari per la vendita dell’auto sono due: una marca da bollo dal costo di 16,52 € e un documento d’identità valido.

(2) Passaggio di proprietà con Certificato di proprietà digitale (CDPD)

In questo caso la procedura è ulteriormente semplificata. Il certificato di proprietà digitale è stato introdotto il 5 ottobre 2015 per evitare possibili costi aggiuntivi, ad esempio un eventuale smarrimento del certificato in forma cartacea, comporterebbe il costo per ottenere il nuovo documento. Se viene smarrito il certificato digitale, invece, è possibile recuperare il documento online.

(3) Passaggio di proprietà senza certificato di proprietà

Nel caso tu non sia in possesso del certificato di proprietà, ma solo del foglio complementare, non puoi recarti allo STA, ma devi rivolgerti all’ufficio provinciale ACI – Pubblico registro automobilistico (PRA) per la registrazione del passaggio e alla Motorizzazione Civile per l’aggiornamento della carta di circolazione. La procedura viene adottata per i seguenti casi:

  • Ci sono più di dieci acquirenti
  • Si vuole richiedere l'annotazione dell'usufrutto
  • Si vuole registrare il passaggio di proprietà con connessa variazione d'uso o delle caratteristiche tecniche del veicolo
  • Si vuole registrare il passaggio di proprietà a tutela del venditore
  • Il veicolo richiede all'intestatario il possesso di un titolo autorizzativo o l'iscrizione in appositi albi
  • Si vogliono presentare richieste relative a variazioni/fusioni societarie

Ci sono però alcuni casi particolari in cui il venditore ha degli obblighi particolari e questo può complicare il passaggio di proprietà auto. Parliamo, soprattutto, dei veicoli cointestati e di quelli intestati ad un defunto:

  • Nel caso in cui il veicolo sia cointestato, è necessario che tutti i proprietari sia presenti per effettuare il passaggio di proprietà con l’apposizione della firma sul documento.
  • Per un veicolo intestato ad un defunto bisognerà eseguire una pratica in più: la prima servirà a far passare l’auto agli eredi e la seconda per la vendita dell’auto ricevuta in eredità.

5. Vendi la tua auto senza passaggio di proprietà

Come abbiamo visto i costi per il passaggio di proprietà auto possono essere molto elevati e la procedura per effettuarla può diventare abbastanza fastidiosa. Ma c’è un modo per evitare tutto questo stress? Oggi è possibile la vendita auto senza passaggio di proprietà a Noicompriamoauto.it. Come funziona?

Prima di tutto puoi iniziare ad usare il nostro strumento di valutazione e scoprire, gratuitamente e in pochi secondi, quanto vale la tua macchina. Subito dopo puoi prendere un appuntamento in una delle tante filiali sparse in tutta Italia. L’auto verrà ispezionata e valutata personalmente da un nostro esperto e dopo circa 30 minuti ti verrà proposta un’offerta d’acquisto, non vincolante.

Sarai poi tu a decidere liberamente se accettare o meno, nel caso in cui accettasi potrai lasciarci subito la tua auto e ci occuperemo di effettuare il versamento della somma pattuita attraverso un bonifico bancario, e del disbrigo di tutte le pratiche burocratiche, compreso del passaggio di proprietà auto: non dovrai preoccuparti di nulla e soprattutto dovrai sborsare un centesimo!

Valutazione gratuita del tuo veicolo in un clic