Valutazione auto usate Fiat: ottenerne una buona è possibile

Che gli italiani amino le Fiat non è un mistero: molte di loro sono create in Italia e si adattano bene allo stile di guida delle città del Bel Paese.

La Fiat ha prodotto così tanti modelli che la valutazione auto usate Fiat cambia a seconda dell’auto considerata. Chi ha una 500 - con un favore di pubblico consolidato - non avrà difficoltà a trovare un acquirente. Chi ha una Multipla - dalle dimensioni generose e dall’estetica “non mainstream” - può avere problemi.

Fortunatamente su Noicompriamoauto.it acquistiamo qualsiasi tipo di auto, indipendentemente dalla sua popolarità a livello locale. Ciò che conta è lo stato dell’auto e le sue componenti. Le Fiat sono per tutti, ma è sempre meglio seguire alcune regole.

Valutare
Fissa un appuntamento

Valutazione
professionale

Ottieni l'offerta e
confrontala con le altre

Vendita diretta in qualsiasi momento

1. Valutazioni auto usate Fiat per un marchio dalla lunga storia

Le auto Fiat in Italia non mancano: la storia finanziaria del gruppo è stata travagliata in alcuni momenti della sua storia, ma il marchio accompagna la motorizzazione del Paese fin dal lontano 1899. È l’11 Luglio quando viene commercializzata la Fiat 3 ½ HP, primo modello della casa torinese.

Passano gli anni e due guerre mondiali: modelli come la 500, la 600 e la 127 sono stati icone dell’Italia a quattro ruote, celebrate in film, romanzi e serie televisive. Gli anni sono passati, la storia del Gruppo Fiat si è unita prima all’americana GM e poi a Chrysler con l’acquisizione aggiuntiva di marchi americani come Jeep.

Oggi Fiat continua ad essere il marchio preferito dagli italiani, che le dedicano un affetto tutto particolare, preferendola alle tedesche e alle giapponesi. Guardando all’intero parco auto Fiat, però, non tutte le auto sono uguali, e non tutte le auto usate Fiat ottengono le stesse quotazioni.

2. Trucchi per aumentare la valutazione della tua Fiat usata

Le Fiat sono molto amate dagli italiani, ma al momento di far valutare la propria macchina usata il valore sentimentale scende ed entrano in gioco altri fattori. Prima di comprare e vendere un’auto Fiat, infatti, occorre tenere a mente alcune semplici indicazioni per non rimetterci.

  1. Popolarità - Questo aspetto sembra irrilevante, ma non lo è. Prima di comprare un’auto del gruppo Fiat bisogna considerare la popolarità del modello. I bisogni di spazio e il costo accessibile possono spingere all’acquisto, ma per una prospettiva di lungo termine è bene sapere cosa è popolare e cosa no. Anche perché la valutazione auto usate Fiat dipende molto dalla popolarità e dalla tenuta nel tempo. Ci sono modelli come Punto, 500 e Panda, che sono stati la prima auto guidata o l’unica auto di famiglia: per il loro costo accessibile, la praticità della guida e il loro valore sentimentale tendono ad essere molto ricercate. La Multipla e la Bravo, invece, pur avendo soluzioni interessanti sono uscite dal listino definitivamente. Ogni modello ha un destino a sé, insomma.
  2. Colore - Chi non ricorda il verde guacamole della Panda del 2003? E chi non è rimasto colpito dall’Arancio Sicilia creato come colore di carrozzeria per il 60º anniversario? Bene: anche se questi colori colpiranno l’occhio e l’immaginazione del proprietario, è bene ricordarsi che i colori classici sono un investimento più duraturo. Meglio puntare su nero, grigio metallizzato e bianco: le valutazioni auto usate Fiat si manterranno più alte al momento della vendita.
  3. Motore - La Fiat per anni è stata leader dell’alimentazione GPL, e la tendenza dei prossimi anni sarà l’elettrico. Per il momento però è bene ricordarsi una cosa: il metano e le colonnine di ricarica delle batterie non sono distribuite omogeneamente in tutto il Paese. Inoltre le auto della casa torinese al momento hanno motori diesel molto performanti: meglio puntare su questo tipo di motore se si ha in previsione di rivendere la propria Fiat a breve. Il più popolare? L’1.3 Multijet, un diesel molto apprezzato per la sua popolarità e che ha già dato il meglio di sé su diversi modelli.
  4. Dotazione - Le auto torinesi sono auto popolari, si sa; ma se si vogliono mantenere alte le valutazioni auto usate Fiat è bene essere poco minimalisti al momento dell’acquisto. Anche se la dotazione di serie è molto soddisfacente in modelli chic come la 500, il prezzo d’accesso della Panda richiede alcuni sacrifici. Meglio investire su qualche accessorio in più, soprattutto se si avverte di un’imminente popolarità. Perché? Una Punto del 2002 molto scarna e un’altra con ABS (diventato obbligatorio per i modelli commercializzati dal 2004) avranno un valore molto diverso.
  5. Uso - Il fatto che un’auto sia popolare o un’utilitaria non esclude che sia necessario prendersene cura. Che si tratti di una Panda 4x4 o di una Punto dal lungo chilometraggio, è bene fare tutti i tagliandi, prendersi cura delle componenti, avere la documentazione necessaria. Se si vogliono tenere alte le valutazioni auto usate Fiat, è bene ricordarsi che un’auto curata avrà sempre la precedenza.

3. I modelli Fiat più ricercati

Prima di vendere o comprare una Fiat usata è bene capire cosa piace alla gente e cosa no, perché come abbiamo visto la popolarità di un modello è un fattore essenziale per una buona valutazione. Ma soprattutto la strategia produttiva di Fiat oggi è molto diversa da quella passata.

Le 500 seguono una filosofia molto particolare, simile a quanto fatto da Lancia Ypsilon, Mini e Smart: offrono uno stile ricercato e hanno una filosofia di guida molto particolare. Se la Mini è sportiva, la Lancia stilosa e la Smart agile in città, la 500 è una sintesi di tutti questi aspetti ed è perfetta per le città italiane. Tanto che la gamma è diventata una sotto-famiglia all’interno di Fiat, con cabrio, 4x4, familiari, eccetera.

Diverso è il discorso per gli altri modelli (Panda, Punto, Tipo, etc.), dove si bada più ad aspetti funzionali. Questi modelli coprono i bisogni di fette specifiche del mercato; sono meno affascinanti della 500, ma non per questo meno richiesti. Non tutti i modelli hanno avuto fortuna, però: Idea, Multipla e Stilo sono state dimenticate per via del loro design non proprio accattivante.

Fiat 500 - 500C - 500X - 500L

Chi non conosce la 500? È il modello della rinascita di Fiat. Presentata come concept car a Ginevra nel 2004, il successo di pubblico ha spinto Fiat a produrre in serie questo modello esattamente 50 anni dopo la sua progenitrice, amato simbolo del boom economico italiano. La decisione è stata azzeccata: rappresenta uno dei modelli più apprezzati. Incentrata sullo stile e sul comfort urbano, l’auto è un capolavoro di design: il cruscotto ha uno stile anni ‘50, i colori della carrozzeria riprendono tinte iconiche del modello precedente. L’auto oltre che bella è perfetta in città, e comoda se si è in due per tragitti lunghi: non è difficile trovare acquirenti ed è molto richiesta. Le valutazioni auto usate della Fiat 500 si manterranno alte, soprattutto se il proprietario se ne è preso cura a dovere. Molto richiesta la versione 500 C (cabrio), con tetto scorrevole in tela.

I SUV crossover sono le auto del momento. Ma non è che Fiat abbia avuto fortuna. La Sedici, creata per le olimpiadi di Torino 2006, in dieci anni ha venduto meno di 200.000 unità; numeri imbarazzanti se paragonati agli 1,24 milioni di Nissan Qashqai nel solo mercato Europeo. Ma il motivo era soprattutto lo stile, e forte dell’esperienza di 500 Fiat ha deciso di riprovarci. Il risultato? Un modello che conta tanti estimatori, disponibile sia come SUV che come 4x4: in quest’ultimo caso l’estetica è più aggressiva, e può influenzare le valutazioni auto usate Fiat. Una scommessa riuscita, visto che si tratta del crossover più venduto in Italia e supera i numeri di auto come la Punto.

Negli anni ‘90 si diceva Fiat e si pensava alle citycar. Ma non ad auto più grandi: le esperienze della Fiat con le monovolumi spaziose sono state fallimentari. La Multipla, all’avanguardia per le soluzioni dell’abitacolo e l’alimentazione, è stata catalogata come “brutta”. La Fiat Idea, dall’approccio troppo modesto (forse per compensare l’appariscenza della Multipla) è passata inosservata, l’Ulysse ha mostrato i segni dell’età abbastanza presto; la Croma era poco amata, la Freemont derivava da un modello della Chrysler incompatibile col gusto europeo. L’esperienza della 500 ha però spinto Fiat a riprovarci, come con la versione X: con uno stile arrotondato ed una eredità stilistica lontana nel tempo, riprende la famosa “Giardinetta” degli anni ‘60. La 500L di oggi è una monovolume spaziosa, luminosa e dalla visuale ampia, disponibile anche nella versione a 7 posti. A chi piace? A molti, perché è un buon compromesso fra minivan, auto chic, station wagon e monovolume. Ottima per la famiglia.

FIat Punto

La prima Punto venne progettata da Giorgetto Giugiaro nel 1993; prima dell’arrivo di Panda e 500 (più varianti), spettava a quest’auto lo scettro di vettura più venduta nel nostro Paese. Grazie al suo comportamento stradale affidabile e versatile, l’auto si è guadagnata una fila di estimatori: buona per i lunghi tragitti e con dimensioni ridotte ma non troppo, per oltre 20 anni la monovolume Fiat ha sbaragliato concorrenti francesi, tedesche e giapponesi. Adesso è stata eclissata da 500 e Panda, ma la valutazione si manterrà alta perché con il tempo gli italiani ne hanno apprezzato le caratteristiche.

Fiat Tipo

La Fiat Tipo raccoglie l’eredità di modelli con una storia travagliata come Stilo (dalle linee troppo spigolose) e Bravo (affusolata, ma dalle vendite troppo basse). Nei segmenti C e D la casa torinese ha optato per un approccio tradizionale, creando una world car per famiglie, capace di soddisfare le esigenze di molti. Disponibile come hatchback, berlina e station wagon, è una delle auto più vendute d’Italia. È offerta a un prezzo vantaggioso. Essendo richiesta, le valutazioni auto usate Fiat non risentiranno molto del passare del tempo; a patto che la si tenga bene.

Fiat Multipla - Idea - Ulysse

Prima che arrivasse la 500L a risollevare la posizione Fiat nel segmento delle monovolume spaziose, la casa torinese aveva un successo altalenante, che dipendeva da fattori temporanei come gli eco-incentivi o le rottamazioni, oppure la richiesta di auto aziendali e taxi. Ma la desiderabilità di auto di questo tipo a marchio Fiat era poco forte. La Multipla ha scioccato il pubblico generalista per la sua estetica audace, e il restyling di fine carriera non ha aiutato molto; si è imposta più per la sua abitabilità interna e per l’alimentazione a GPL. La Fiat Idea è stato il primo MPV compatto (multi-purpose vehicle), studiato per piccole famiglie in cerca di qualcosa di più grande della Punto. L’Ulysse, sviluppata con il gruppo PSA e Chrysler, è stata superata dai SUV e dai modelli più contenuti. Tutti e tre i sono stati sostituiti dalla 500L, che con la versione a 7 posti rimpiazza anche l’ultima l’Ulysse come grande monovolume.

FIat 124

Nella gamma Fiat c’è anche una cabrio: no, non è la 500 C ma una convertibile due posti, la 124 Spider, creata 50 anni dopo il modello storico con lo stesso nome. Sostituisce il vuoto di gamma creato con l’uscita di scena della Fiat Coupé nel 2000. Come succede con molte auto scoperte, però, pur essendo apprezzate dai proprietari trovare un venditore è difficile. In questo caso le valutazioni auto usate Fiat risentiranno molto della natura di nicchia dell’auto, e meno del fascino del modello.

4. La valutazione della tua Fiat usata su Noicompriamoauto.it

Valutazione

Qui su Noicompriamoauto.it, però, accettiamo anche le auto più di nicchia, perfino quelle con una base di estimatori più contenuta. Dalla Multipla alla Croma, dalla Panda alla richiestissima 500 X, senza dimenticare le diffusissime Fiat Uno degli anni ‘80, quello che conta è lo stato dell’auto. Vendere la tua macchina sarà facilissimo, dovrai solo fare una valutazione e al resto ci pensiamo noi.

Perizia

Le auto Fiat sono molto diffuse in Italia, questo però non vuol dire che tutte abbiano lo stesso valore. Un ottimo modo per scoprire ciò è provare a venderne una usata ad un secondo acquirente: le 500 vanno a ruba, ma trovare chi vuole auto più grandi o meno di moda… quello è un po’ più difficile. Proprio per questo i modelli Fiat che sopravvivono meglio ai segni del tempo sono quelli popolari, soprattutto se tenute bene.

Perizia

Con noi potrai ricevere una prima stima orientativa del valore della propria auto direttamente sul nostro sito. Dopodiché dovrai prenotare un appuntamento con uno dei nostri esperti nella filiale più vicina a casa tua: la valutazione auto usata Fiat sarà fatta in poco tempo, e al termine riceverai un’offerta non vincolante. Se dovessi accettare, la vendita potrà concludersi entro 24 ore. Noicompriamoauto.it è l’occasione ideale per vendere la vecchia Fiat di famiglia e passare a un nuovo modello più al passo coi tempi. Cosa aspetti?

Valutazione gratuita del tuo veicolo in un clic