Cosa fare in caso di incidente stradale?

Come bisogna comportarsi in caso di incidente? Quali sono le procedure per sporgere denuncia.

22.08.2018

Ttamponamento

Gli incidenti stradali non sono mai eventi piacevoli anche se si tratta di un piccolo tamponamento.

Essi sono spesso fonte di litigi con le parti coinvolte e soprattutto provocano sempre qualche noia con la propria assicurazione.

Meglio dunque non trovarsi impreparati e sapere fin da subito cosa fare in caso di incidente d'auto, partendo proprio dalla denuncia del sinistro stradale.

1. Denuncia di incidente stradale: come fare?

La denuncia di incidente stradale è la prima cosa da fare in caso di sinistro. Fare la denuncia di incidente stradale significa comunicare quanto accaduto. E' responsabilità di chi è coinvolto nell'incidente denunciare il fatto, ed è un adempimento essenziale affinchè la compagnia assicuratrice risarcisca le parti.

Le informazioni raccolte dovranno provenire da entrambe le parti coinvolte e cosa ancora più importante la denuncia è fondamentale per determinare le diverse responsabilità.

La denuncia del sinistro deve essere effettuata entro 3 giorni dall'accaduto e il modo più semplice per effettuarla è la constatazione amichevole.

Come procedere? Basterà che entrambe le parti coinvolte compilino il modulo blu o CID e lo riconsegnino alla rispettiva compagnia assicuratrice di persona o via raccomandata con ricevuta di ritorno.

Ovviamente, se non c'è accordo sull'accaduto, meglio contattare le Forze dell'Ordine e riportare quanto avvenuto nella constatazione amichevole.

2. Chiamare le Forze dell'ordine per la denuncia: sempre necessario?

Se l'incidente è di lieve entità e le parti coinvolte si trovano d'accordo, il tutto si conclude con la constatazione amichevole.

Quando però ci sono feriti, incongruenze o possibili responsabilità penali, devono intervenire le Forze dell'Ordine.

Una volta giunte sul luogo dell'incidente, le Forze dell'Ordine procederanno con:

  • rilievi fotografici si potrà individuare così la posizione dei veicoli e dei relativi danni;
  • analisi del terreno: eventuali tracce di frenata, ma anche buche, detriti, depositi che hanno contribuito a causare l’incidente;
  • colloquio con i testimoni: persone presenti al fatto potrebbero essere consultate.

Questi accertamenti concorreranno alla predisposizione del verbale utile alla definizione della dinamica dell'incidente.

3. Incidente stradale, cosa fare nell'immediato?

Al di là dell'aspetto burocratico e della denuncia, ci sono alcune procedure molto importanti da tenere a mente. Si tratta, infatti, di misure che possono spesso essere fonte di salvezza per gli automobilisti coinvolti.

La prima cosa da fare, infatti, è quella di accertarti di stare bene e di non aver riportato ferite; il passo successivo è verificare cos'è successo alle altre persone coinvolte e, solo alla fine, ai mezzi.

Ovunque tu ti trovi, in caso di incidente ricorda di disporre il segnale di emergenza e di indossare il giubbotto catarifrangente cercando di attirare l'attenzione di altri conducenti in transito.

A questo punto aspetta che arrivino le Forze dell'Ordine e i soccorsi. Se non hai competenze di primo soccorso è sempre meglio evitare di muovere o curare le persone ferite, così da evitare maggiori rischi.

Nel caso in cui si tratti di feriti in modo leggero non dovrai fare altro che prestare assistenza nei limiti del possibile e di quelle che possono essere le tue conoscenze.

Chiama il 118 e cerca di spiegare in modo chiaro e semplice dove è avvenuto il sinistro, quante sono le persone coinvolte cercando, per quanto ti sia possibile, di descrivere anche quali siano le loro condizioni fisiche in quel momento.

Il soccorso è un obbligo da parte di ogni cittadino. Nel caso di omissione di soccorso sono previsti provvedimenti civili e/o penali.

4. Chiamare il carroattrezzi: chi paga?

Prima di chiudere il capitolo incidente, potrebbe essere necessario chiamare un carroattrezzi in soccorso del veicolo. Se infatti la situazione è piuttosto critica e l'auto non può essere mossa, dovrà essere trainata da appositi mezzi autorizzati.

Spettano alla compagnia assicuratrice se sei tu ad aver subito danni e non hai responsabilità:

  • le spese del carroattrezzi;
  • i costi di rottamazione;
  • la parte di bollo auto pagato ma non goduto.

Gli ultimi due casi si verificano solo quando l'auto è completamente distrutta.

Se sei tu ad essere responsabile e il veicolo interessato è il tuo, invece, dovrai pagare interamente il conto, a meno che non abbia attivato uno speciale pacchetto con la tua compagnia assicurativa.