Guida sicura con pioggia e nebbia? Ecco i nostri consigli

Nebbia e pioggia sono fra gli incubi numero uno degli autisti. Ecco come evitare brutte sorprese con alcuni consigli.

23.04.2019

guida fulmine strada
Valutazione gratuita del tuo veicolo in un clic

Guidare con pioggia e nebbia può nascondere numerose insidie per chi è al volante.

L’asfalto bagnato a causa degli acquazzoni e la scarsa visibilità dovuta ai banchi di nebbia possono infatti compromettere il controllo dell'autista sul veicolo. I rischi quindi non derivano solo dalla tenuta di strada della tua quattro ruote, ma anche da quella delle altre vetture vicino a te.

In caso di guida con pioggia, lo spazio di frenata può diventare quasi il doppio rispetto alle condizioni normali, e i rischi derivanti dalla perdita improvvisa e momentanea di aderenza sono lo sbandamento e l'uscita di strada.

In caso di guida con nebbia, la visibilità scarsa è alle origini di tamponamento e collisione durante eventuali sorpassi.

Il nostro consiglio per un viaggio al riparo da brutte sorprese, è quello di osservare le regole basilari che andremo ad illustrarti per contrastare le principali insidie della guida con pioggia e nebbia.

1. Guidare con la pioggia: come evitare l'aquaplanning

L'aquaplaning, come viene anche conosciuto lo "slittamento dell'auto sull'acqua", è causato dalla presenza di pericolose pellicole d'acqua sull'asfalto. Questo provoca la perdita di contatto tra la strada e la gomma, facendo 'galleggiare' la vettura e mandandola quindi fuori controllo.

Data la tempestività con cui si presenta il fenomeno, è necessario non farsi prendere dal panico. Ecco cosa fare:

  • controllare regolarmente lo stato e la pressione degli pneumatici
  • verificare la profondità del battistrada;
  • moderare la velocità in caso di volumi consistenti di acqua al suolo;
  • aumentare in modo significativo la distanza di sicurezza, dal 20% all' 80%;
  • evitare di frenare o sterzare di colpo, ma decelerare gradualmente;

2. Guidare con la nebbia: cosa fare e cosa non fare?

La nebbia, cioè la condensazione di umidità atmosferica in minuscole gocce d'acqua, è più frequente in zone basse e vicine a luoghi umidi quali boschi, fiumi, laghi e simili, in condizioni di vento ridotto o assente.

Tutto ciò rende molto difficoltoso calcolare le reali distanze di oggetti e ostacoli, e i tempi di reazione si allungano.

Guidare con la nebbia è pericoloso e va dunque evitato per quanto possibile, informandosi sulle condizioni atmosferiche prima di affrontare un viaggio.

Per minimizzare il più possibile eventuali collisioni dovuti a questo fenomeno atmosferico ecco alcuni punti da seguire:

  • moderare la velocità e aumentare la distanza di sicurezza;
  • non accendere gli abbaglianti e usare fendinebbia e retronebbia;
  • usare la linea di destra della carreggiata come riferimento;
  • evitare di fermarsi o sostare; se necessario, utilizzare le apposite aree, con fendinebbia e doppie frecce accesi;
  • ridurre al minimo le cause di distrazione, come cellulare, radio, ecc.

Ricorda: In Italia le 3 autostrade più rischiose per la presenza di nebbia sono: A1 Milano-Napoli (17,5% di incidenti), A14 Bologna- Taranto (12,1%), A4 Torino-Trieste, fra Torino e Milano (9,8%).

Ecco una pratica sintesi dove trovare a colpo d'occhio i migliori consigli per un guida sicura.

Guida sicura con pioggia e nebbia

Clicca sull'immagine per ingrandire

3. Come ridurre l'appannamento dei vetri in caso di pioggia e nebbia

Sia in caso di pioggia che in caso di di nebbia, uno dei fenomeni più frequenti che possa capitare alla tua tua auto è l'appannamento dei vetri.

Il parabrezza si appanna perché l'umidità dell'aria crea una condensa sulla sua superficie interna, che è fredda.

Per questo motivo basterà accendere il riscaldamento della vettura, accertandosi che l’aria in uscita dalle bocchette provenga dall’esterno e che il sistema di areazione non sia impostato su ricircolo interno.

È anche importante abbassare l’umidità dell’aria interna, attivando il condizionatore, non importa se con aria fredda o calda.

Se il veicolo ne è provvisto, è utile usare anche il lunotto termico posteriore, fermo restando che in alternativa è sempre possibile aprire i finestrini anteriori, o rimuovere direttamente la condensa utilizzando un panno, preferibilmente in microfibra