7 consigli per l'acquisto di un'auto elettrica usata

Le auto elettriche stanno diventando sempre più popolari! Questi 7 suggerimenti ti aiuteranno se vuoi acquistare un'auto elettrica!

15.05.2019

Auto elettriche consigli

(clicca sull'immagine per ingrandirla)

Valutazione gratuita del tuo veicolo in un clic

I veicoli elettrici stanno vivendo un periodo di grande diffusione, ma proprio per la loro complessità tecnologica i prezzi d’acquisto, purtroppo, non sono ancora per le tasche di tutti. L'alternativa più veloce ed economica: un'auto elettrica di seconda mano! Ma quali sono le particolarità dell'acquisto di un'auto elettrica e quali sono le differenze rispetto alle auto con motore a combustione? noicompriamoauto.it ti dà 7 consigli che dovresti considerare se vuoi comprare un'auto elettrica.

Prima di iniziare è giusto avere una panoramica per quanto riguarda la mobilità elettrica in Italia. Nel 2017 le auto elettriche componevano lo 0,2% del mercato, per arrivare allo 0,4% nel 2018. Il salto non è molto grande è vero, ma è pur sempre un miglioramento. La mobilità elettrica sta diventando sempre più centrale nei progetti delle case automobilistiche. Anche la nostra quotidianità sarà destinata al cambiamento, meno emissioni, risparmio economico e nuova tecnologia. Vediamo quindi qua di seguito quali sono i modelli di auto elettriche presenti sul mercato più apprezzate dagli italiani e quelli più acquistati lo scorso anno.

Auto elettriche nuove immatricolate in Italia 2018

  • Posizione 1: Nissan Leaf (1256)
  • Posizione 2: Smart Fortwo (985)
  • Posizione 3: Renault Zoe (842)
  • Posizione 4: Tesla Model S (217)
  • Posizione 5: BMW I3 (94)

1.Come sarà utilizzata la futura auto?

Impiego auto elettrica

Se l'acquisto di un'auto elettrica è la decisione giusta dipende in gran parte dalla distanza che deve essere coperta ogni giorno. In media, gli italiani percorrono circa 33 km al giorno e la domanda quindi sorge spontanea. Un'automobile deve essere acquistata solo per percorrere lunghe distanze? O è sufficiente la distanza di viaggio per recarsi al lavoro? Un'auto elettrica di seconda mano può far risparmiare molti soldi, perché se una sola carica della batteria è sufficiente per recarsi al lavoro ed è possibile trovare,ad esempio, direttamente là delle stazioni di ricarica, la guida elettrica allora è da considerarsi relativamente economica. L'elettricità è attualmente molto più economica della benzina e i costi di manutenzione sono ragionevolmente più bassi.

Un'auto elettrica con una batteria relativamente piccola (30 o 40 kWh) è ideale per la guida in città, per la spesa e per le piccole gite familiari. Se si ha a disposizione una piazzola con elettricità a casa, una wallbox è l'investimento giusto. Questa scatola viene installata sulla parete con una presa speciale per la ricarica. I costi possono variare a seconda della scatola (produttore e spina di ricarica) e della manodopera per il montaggio, ma almeno 1.000 euro dovrebbero essere pianificati per l'intera installazione.

Per quanto riguarda i pendolari invece, una stazione di ricarica sul posto di lavoro sarebbe la miglior soluzione. Se devono essere percorse regolarmente distanze maggiori, un'auto elettrica non è (ancora) una buona opzione.

2. A cosa prestare attenzione con le batterie?

Una batteria con una capacità sufficiente è essenziale. Come i motori a combustione, i motori elettrici durano per molti anni, ma non esiste alcuna garanzia per le batterie. Le condizioni esterne in un giro di prova sono determinanti per valutare se lo status della batteria è buono. Alle basse temperature la capacità della batteria è notevolmente inferiore rispetto alle alte temperature e anche con l'aria condizionata, la radio o il riscaldamento accesi l’autonomia può essere decisamente ridotta.

Si consiglia di far testare la batteria da un rivenditore di marca o specializzato prima dell'acquisto. L'utilizzo della batteria con poca carica può anche dare una buona visione d'insieme della capacità residua. Purtroppo non esiste ancora un metodo di misurazione indipendente per le batterie, ma alcune case automobilistiche possono comunque verificare la capacità della batteria.

3. Quanta autonomia hanno le auto usate?

Ci sono diversi punti che influenzano l'autonomia di un'auto elettrica. In primo luogo, la capacità della batteria: una batteria da 24 kWh garantisce un'autonomia compresa tra 80 e 130 chilometri, mentre 40 kWh è adatta per 200-280 chilometri. Anche la resistenza dell'aria gioca un ruolo importante: un'auto aerodinamica come la Hyundai Ioniq Electric può coprire distanze maggiori (circa 200 km a 28 kWh) di una Opel Ampera-E (350 km a 64 kWh). Anche il vento e le intemperie possono avere un effetto negativo sulla gamma:

A temperature inferiori allo zero, con una batteria piena ci si può aspettare una riduzione del 30%. Uno stile di guida sportivo, l'uso dell'aria condizionata o del riscaldamento hanno un ulteriore effetto negativo sulla gamma. Questo dovrebbe essere sempre tenuto in considerazione durante un giro di prova.

All'inizio di un giro di prova, è necessario verificare il livello di carica della batteria e il numero di chilometri ancora percorribili, che di solito viene visualizzato sul display del veicolo. Durante la guida, è possibile calcolare quanto velocemente la batteria si scarica. Le auto con motore a benzina consumano la maggior parte dell'energia nel traffico cittadino, ma è vero il contrario per le auto elettriche: l'energia può essere recuperata in frenata, il che aumenta l'autonomia.

4. Come controllare le condizioni tecniche?

Un'auto elettrica è tecnicamente più semplice e richiede meno manutenzione in quanto ci sono meno parti soggette ad usura, infatti le componenti da controllare rispetto ad un’auto a combustione sono “solo” pneumatici, freni e ammortizzatori mentre la parte elettronica essendo abbastanza complessa richiede interventi mirati e programmati.

Come per un'automobile con motore a combustione, va da sé che il veicolo deve essere controllato all'interno e all'esterno per eventuali danni:

  • Le differenze di colore tra i pannelli sono riconoscibili o le dimensioni tra le fessure sono notevoli?
  • Ci sono state riparazioni o incidenti?
  • Gli strumenti del cruscotto funzionano correttamente?
  • Il veicolo è stato controllato regolarmente?

5. Quali sono i vantaggi fiscali?

Chiunque acquisti un'auto elettrica nuova immatricolata tra il 1 Marzo 2019 e il 31 Dicembre 2021 può beneficiare di agevolazioni fiscali. Gli incentivi auto elettriche 2019 saranno disponibili per tutte le immatricolazioni, con o senza rottamazione, purché il prezzo di listino del veicolo acquistato sia inferiore a 50’000 Euro IVA esclusa(con IVA inclusa fino ad un massimo di 61’000 Euro). L’incentivo ammonta a € 6’000 in caso di rottamazione di un veicolo di pari categoria da Euro 1 a Euro 4. In assenza di rottamazione, l’incentivo ammonta a 4’000 Euro.

6. Quanto costa un'auto elettrica?

Le auto elettriche sono disponibili in diverse categorie di prezzo, dalla economica Nissan Leaf del 2011 a modelli di punta assoluti come la Tesla Model X o S. Va notato che alcune auto sono offerte ad un prezzo senza IVA.

In alcuni casi, la batteria non è inclusa nel prezzo, creando un'immagine distorta del prezzo finale. La batteria della Renault Zoe può essere noleggiata a partire da 69 euro al mese. Questi costi si aggiungono al prezzo di acquisto. All'inizio sembra pratico, ma il pagamento viene sempre effettuato indipendentemente dalla capacità della batteria. La vecchia batteria inoltre, viene sostituita solo se la sua capacità scende al di sotto del 75%.

7. Qual è il valore residuo dei veicoli?

Detailaufnahme eines Ladesteckers an einem gebrauchten Elektroauto

L'esatto valore residuo di un'auto elettrica è più difficile da determinare rispetto ad un’auto con motore a combustione. La prima generazione di auto elettriche ha un valore residuo inferiore a causa della sua breve autonomia e dell'elevato prezzo di acquisto. Nel 2010, 175 chilometri di autonomia erano tanti, oggi più di 300 chilometri sono la norma. Lo sviluppo dell'autonomia è rapido e questo ha un forte impatto sul valore dei veicoli più vecchi. Pertanto, gli investimenti in auto elettriche di prima generazione sono associati ad un certo rischio. I modelli successivi con una batteria più grande, come la Hyundai Ionic, la Nissan Leaf (40 kWh) o la BMW i3 (94 Ah) sono molto più stabili nel valore.

Ciò si sta lentamente facendo sentire anche nel commercio e la fiducia dei consumatori sembra aumentare. Allo stesso tempo, sta diminuendo nei veicoli con motore diesel più vecchi, il che rende più attraente l'acquisto di sistemi di guida alternativi. Questo fatto, insieme alla crescente gamma di auto elettriche e alla crescente infrastruttura di ricarica, è un'importante leva sulle vendite.

I conducenti dovrebbero sempre chiedersi perché hanno bisogno di un'auto elettrica e valutare eventuali pro e contro.