Constatazione amichevole: cos’è e come compilarla

La constatazione amichevole è una procedura che tutti gli autisti dovrebbero conoscere. Compilare il modulo in modo corretto ti farà risparmiare molto tempo. Ecco come fare

Constatazione amichevole

Nei centri cittadini è piuttosto frequente causare o subire piccoli sinistri di lieve entità. In tali casi fare la constatazione amichevole risulta vantaggioso pervelocizzare i tempi di risarcimento da parte delle assicurazioni.

1. Cosa è la constatazione amichevole?

La constatazione amichevole consiste in una semplice procedura per la quale i conducenti coinvolti in un incidente stradale descrivono la dinamica dell’incidente ed esplicitano le responsabilità di ciascuno. Una volta compilata l'apposita modulistica questa dovrà essere consegnata alle rispettive compagnie assicurative che provvederanno a rimborsare più velocemente rispetto all'iter consueto le parti coinvolte nel sinistro stradale.

A cosa serve? Fare la constatazione amichevole è molto importante per snellire le tempistiche delle assicurazioni e ottenere il rimborso dei danni più velocemente rispetto all’ iter consueto.

Affinché la constatazione amichevole sia efficace, tuttavia, essa deve essere compilata correttamente. Esiste infatti uno specifico modulo previsto per legge che tutti dovrebbero tenere nel proprio veicolo in caso dovesse servire.

Si tratta del modulo CID, detto anche modello blu o modulo CAI. Ma dove reperirlo?

Il modulo è disponibile presso tutte le compagnie assicurative, cui puoi richiederlo in qualsiasi momento e senza alcun costo. Inoltre è disponibile online in formato pdf. Lo puoi trovare anche su questa pagina, cliccando qui sotto.

    

2. Come compilare la constatazione amichevole

Compilare correttamente il modulo blu significa avere la certezza che la constatazione amichevole vada a buon fine. Per far questo basta seguire la guida che andremo a spiegare di seguito.

Prima di tutto è bene ricordare che la constatazione deve essere compilata in tutte le sue parti e in duplice copia. Una volta redatto, infatti, il modulo dovrà essere consegnato da entrambi i soggetti coinvolti alle rispettive compagnie di assicurazione.

La prime pagina della constatazione è occupata da due colonne, una di colore azzurro e una di colore giallo. Le colonne sono speculari e devono essere compilate riportando i dati relativi a:

  • Intestatario della polizza: viene richiesto di specificare codice fiscale o Partita IVA e indirizzo di residenza del titolare.
  • Dati del veicolo: sia che si tratti di un veicolo a motore o a rimorchio deve essere comunicato il numero di targa e lo stato di immatricolazione.
  • Compagnia di assicurazione: è importante riportare sia il numero di polizza che il numero di Carta verde, specificando la validità della copertura.
  • Conducente: è necessario trascrivere i dati della patente di guida, con particolare riferimento a categoria, numero e data di scadenza.
  • Danni al veicolo: quali sono i danni subiti dall’auto a seguito del sinistro.

Nella colonna centrale si dovrà indicare in quale situazione si trovavano i due veicoli al momento dell'incidente. E' possibile scegliere fra una serie di opzioni indicate nella colonna centrale. Per “fotografare” meglio la situazione, i conducenti potranno anche rappresentare graficamente quanto avvenuto, utilizzando la sezione 13 della constatazione amichevole.

Quando compili il modulo CID, ricorda di farlo con grande attenzione, impiegando tutto il tempo che ti serve. E’ inoltre importante che i due conducenti abbiano a portata di mano i seguenti documenti: patente di guida, carta di circolazione del veicolo, certificato di assicurazione e carta verde.

3. Sono obbligato a firmare la constatazione amichevole?

L’aspetto più importante per la corretta compilazione della constatazione è la firma delle due parti.

Tuttavia non è sempre possibile che fra i due autisti coinvolti nell’incidente ci sia pieno accordo su come siano andati veramente i fatti. Se ti trovi in una di queste situazioni sappi che non c’è alcun obbligo di firma della constatazione amichevole.

In alcuni casi, soprattutto se non si è esperti della procedura o non si hanno ben chiare le dinamiche del sinistro, è meglio far sì che sia la compagnia assicuratrice ad appurare quanto accaduto, evitando così di mettersi in posizioni poco vantaggiose.

In situazioni di incertezza è bene inoltre riportare la versione di alcuni testimoni, se disponibili e presenti sul fatto.

Proprio a questo scopo, il modulo blu dispone di una sezione aggiuntiva che va sotto il nome di Altre Informazioni in cui è possibile riportare i dati relativi ai testimoni intervistati. Qualora poi ci sia stato l’intervento delle forze dell’ordine (Vigili Urbani, Polizia stradale, Carabinieri...) si tratta di un elemento in più da integrare nella dichiarazione.

4. Perchè conviene fare la constatazione amichevole?

La constatazione porta ai conducenti un grande vantaggio: quello di accelerare le tempistiche delle relative compagnie assicurative.

Normalmente nel caso di incidenti stradali di lieve entità, le assicurazioni hanno tempo fino a 60 giorni per il risarcimento dei danni ai veicoli. Tale periodo si allunga nel caso in cui ci siano danni a persone, per cui si può arrivare al pagamento anche 90 giorni dopo l’accaduto.

Con la constatazione le tempistiche si abbreviano. Infatti per i danni alle cose è previsto un limite massimo di 30 giorni per il risarcimento. Nel caso di danni a persone, tale limite può allungarsi non oltre i 45 giorni.

Valuta Subito la tua Auto: