Garanzia sulle auto usate: come funziona?

La tua auto usata è sotto garanzia? Scopri cosa occorre sapere quando si acquista un’auto di seconda mano e che cosa prevedono le normative sull’acquisto.

06.07.2018

Check-up completo auto

1. Garanzie sulle auto usate: Codice del Consumo

La garanzia sulle automobili è regolata dal D.Lgs. 206 del 6/09/2005 denominato "Codice del Consumo". Questo decreto viene periodicamente aggiornato introducendo via via nuovi provvedimenti riguardanti la protezione del Consumatore. Questa garanzia viene garantita dalla CE e, ad oggi, vige l'ultimo aggiornamento del 2012 (D.L. 1/2012, che estende la protezione delle pratiche commerciali scorrette alle piccole imprese).

È importante precisare che bisogna fare attenzione quando ci si appresta ad acquistare un'auto perché: chi decide di acquistare come consumatore può avvalersi dei diritti sanciti dal Codice del Consumo, mentre chi acquista come figura giuridica (cioè con la partita IVA) continua ad applicare il codice civile, ma solamente se l'auto è stata acquistata per fini d'impresa. È importante quindi fare attenzione perché si potrebbe incorrere in cavilli burocratici che porterebbero via molto tempo.

Nel caso di informazioni o necessità di supporto potete contattare l'Unione Nazionale Consumatori (in fase di offerta, acquisto e pre contenzioso) e l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (per i casi di comportamento sleale del venditore). La Garanzia Legale prevista dal Codice del Consumo, si applica per un periodo minimo di 24 mesi dalla data di consegna dei veicoli nuovi (o già targati). Il termine è lo stesso per i veicoli usati ma può essere ridotto fino a non meno di 12 mesi solo con il consenso dell'acquirente espresso prima della vendita.

2. Difetti di conformità: cosa sono e come affrontarli

Il Codice del Consumo prevede che possa essere rilasciata una "garanzia convenzionale" che solleva il venditore dalla responsabilità di gestire eventuali reclami relativi a inconvenienti di tipo tecnico al veicolo. Bisogna fornire queste e tutte le informazioni prima di firmare il contratto altrimenti non potrà esserci alcun vincolo da parte di chi vende l'autovettura; occhio quindi al contratto di vendita! E' bene ricordare che il Codice del Consumo prevede una gerarchia di aggiustamenti ai difetti di conformità (sia per automobili nuove che usate).

Il primo obbligo è l'eliminazione del difetto mediante riparazione o sostituzione delle parti difettose, senza spese da parte dell'acquirente. Nel caso in cui la riparazione non fosse possibile si potrà:

  • Negoziare una riduzione del prezzo, pari al valore che il Consumatore avrebbe potuto accettare di pagare se avesse avuto coscienza del difetto prima dell'acquisto.
  • Sostituire il veicolo con uno identico (a costo zero per il Consumatore), comprendendo i costi di immatricolazione e IPT.
  • Risolvere il contratto, vale a dire restituire il veicolo e ottenere il rimborso di quanto pagato per l'acquisto.

È necessario puntualizzare che non tutti guasti possono essere considerati delle non-conformità che il venditore è obbligato a ripristinare. Sull'auto usata il Codice del Consumo precisa che la garanzia si applica tenuto conto del tempo di pregresso utilizzo, limitatamente ai difetti non derivanti dall'utilizzo normale dell'oggetto. Ad esempio: se si guasta un tergicristallo o similare il venditore non è tenuto ad intervenire perché si tratta di normale usura; viceversa se il compratore dovesse scoprire che l'auto ha avuto più km di quelli segnati dal tachimetro può rivalersi sul venditore.

3. Quanto vale la garanzia?

Il Codice del Consumo parla chiaro: sulle automobili usate la garanzia che chi vende la vettura deve obbligatoriamente offrire è di 24 mesi, che possono però essere ridotti a 12 mesi previo accordo tra le parti. L'acquirente ha due mesi di tempo per denunciare un eventuale difetto o danno che non è stato attenzionato precedentemente. Il concetto della garanzia è quello di conformità, vale a dire che la vettura deve essere conforme alla descrizione e alle caratteristiche illustrate dal venditore.

4. Le regole per comprare bene e in sicurezza

Vi siete decisi ad acquistare un’automobile usata ma avete qualche dubbio e desiderate avere maggiori sicurezze? Tenete sempre bene a mente i seguenti punti:

  1. La reputazione. Dedicate un po’ di tempo a ricerche sull'affidabilità del venditore per non incappare in brutte sorprese.
  2. L'acconto. Evitate sempre gli anticipi di denaro, sempre meglio pagare non appena siete sicuri dello stato dell'auto.
  3. Il finanziamento. Valutate con attenzione il costo dell'eventuale finanziamento. Tenete conto del Taeg, perché l'operazione può risultare poco conveniente se si considerano gli interessi da pagare.

La garanzia resta una delle maggiori cause di conflitto tra venditori e acquirenti, nonostante i precisi ambiti di operatività che la legge stabilisce. Capita non poco di rado che il venditore interpreti alcune regole a proprio vantaggio, soprattutto nella gestione delle "garanzie assicurative" che prevedono solitamente esclusioni o massimali di spesa per singoli interventi. Queste garanzie proteggono il venditore dall'acquirente e non viceversa. Il venditore può ripristinare l'auto che ha venduto utilizzando ricambi alternativi o usati.

Il termine corretto è garanzia legale di conformità, che il venditore è tenuto a rilasciare all'acquirente. In linea generale l'acquirente è garantito da tutti i difetti che si possono verificare sul veicolo entro il periodo di validità della garanzia. La garanzia per legge non può essere negata dal rivenditore o dal concessionario perché, la mancanza della stessa rende in automatico nullo ogni tipo di contratto. L'acquirente è tenuto a controllare che tutto sia in regola e che l'auto non abbia danni. Nel caso di eventuali difetti le parti hanno diverse soluzioni da poter mettere in atto.

I nostri servizi