Revisione auto: esiti, scadenze e costi per essere sempre in regola

La revisione auto è il controllo periodico obbligatorio cui vengono sottoposti i veicoli per essere definiti idonei.

Si tratta di un adempimento da effettuare con scrupolo prima di tutto per ragioni di sicurezza. Inoltre se la revisione non è in regola è vietata la circolazione! Bene tenerne a mente la scadenza per non avere brutte sorprese.

Va anche detto che a seconda del tipo di veicolo possono essere necessarie verifiche particolari, come nel caso delle auto a metano. Ma come fare a conoscere tutti questi dettagli?

Se vuoi avere una panoramica completa sul tema, ti trovi nel posto giusto. Su questa pagina troverai infatti informazioni su esiti, scadenze e costi della revisione auto.

Valutazione
online
Prendi appuntamento
per vendere

Valuta online la tua auto

Ottieni una perizia non vincolante

Vendi solo se lo vuoi

1. Revisione auto e bollino blu: come funziona?

Revisione auto

La revisione auto è disciplinata dall’articolo 80 del Codice della Strada e nel concreto può essere paragonata ad un vero e proprio esame sullo stato di salute del veicolo. In particolare, osservati speciali sono: freni, componenti per la sicurezza, impianto elettrico e suoni, pneumatici, assi e sospensioni, telaio, porte, carrozzeria e targa, specchietti, luci e fanali.

Durante la revisione viene eseguito anche il test sui gas di scarico e si va a controllare se le emissioni del veicolo rispettino le normative europee in materia.

Nel caso in cui l’esito sia positivo, viene rilasciato il bollino blu, un certificato reso obbligatorio con decreto del 9 febbraio 2012 (n.5), in ottemperanza alle leggi europee sull’inquinamento atmosferico.

Il bollino blu si applica a tutte le auto, da quelle a benzina a quelle diesel e sono esentate solo alcune categorie di vetture, fra le quali le auto storiche o quelle elettriche.

Rilascio del certificato di revisione

A conclusione dei controlli tecnici, se l’auto risulta idonea alla circolazione viene aggiornato il certificato di revisione.

Dal 20 maggio 2018, infatti, il vecchio timbro sul libretto di circolazione, apposto a seguito del superamento della revisione, è stato sostituito dal certificato di revisione, in ottemperanza alla direttiva europea N. 2014/45. Quest'ultima ha reso più rigidi i controlli in materia, specie per quanto riguarda la registrazione del chilometraggio di un veicolo al momento della verifica.

Il certificato di revisione deve riportare luogo e data di revisione, lettura del contachilometri, categoria del veicolo, carenze, data del successivo controllo e nome di chi ha effettuato la revisione.

2. Veicoli a metano, GPL o d’epoca: quali differenze nella revisione?

Rispetto alle normali verifiche, ci sono alcune categorie di veicoli che richiedono alcune attenzioni in più. Si tratta di:

  1. Auto a metano: su questo tipo di vettura è previsto un controllo aggiuntivo di serbatoi e bombole. Il processo prevede tre fasi: pesatura, ispezione e collaudo. Se il test non viene superato, le bombole vengono sostituite senza alcun costo per il proprietario dell’auto.
  2. Auto GPL: chi possiede questo tipo di auto non necessita di controlli specifici. Infatti l’impianto è dotato di elettrovalvole che si attivano nel caso di malfunzionamenti. I proprietari, però, dovranno tenere a mente che le bombole devono essere sostituite dopo 10 anni di utilizzo.
  3. Auto d’epoca e auto storiche: la circolazione per queste vetture è ben diversa rispetto a quella dei veicoli comuni, ma questo non le esonera dalla revisione periodica. Si andranno a controllare componenti diverse rispetto alla revisione standard.

Le componenti di un’auto sono soggette ad usura nel corso del tempo e senza l’occhio attento di un meccanico è facile dimenticarsi di fare controlli appositi. Ecco perchè la revisione ha una serie di scadenze che è sempre bene ricordare sia per la propria sicurezza che per non incorrere in eventuali infrazioni con relativa multa.

3. Quali sono le scadenze della revisione auto?

Revisione-auto-consulenza

Devono essere sottoposte a revisione dopo 4 anni dalla data della prima immatricolazione e successivamente ogni due:

  • autovetture e autocaravan
  • motoveicoli e ciclomotori
  • autoveicoli adibiti al trasporto di cose o ad uso speciale e rimorchi di massa complessiva non superiore a 3,5 tonnellate
  • autoveicoli per trasporto promiscuo
  • auto d'epoca.

La scadenza cambia e da biennale si fa annuale per:

  • veicoli destinati al trasporto di persone con numero di posti superiore a nove compreso quello del conducente
  • taxi e veicoli adibiti a noleggio con conducente
  • autoambulanze
  • autoveicoli destinati al trasporto di cose o ad uso speciale e rimorchi di massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate.
Valutazione gratuita del tuo veicolo in un clic

Cosa accade ai veicoli con revisione scaduta?

È bene ricordarsi di fare la revisione in tempo perchè nel caso in cui venga accertata l’inadempienza, ad esempio durante un normale controllo, la circolazione viene interdetta e sono applicate multe il cui ammontare può variare in modo significativo.

L’articolo 80 del Codice della strada (comma 14) riporta: chiunque circola con un veicolo che non sia stato presentato alla prescritta revisione è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 168 a euro 674.(...) L'organo accertatore annota sul documento di circolazione che il veicolo è sospeso dalla circolazione fino all'effettuazione della revisione.

Inoltre qualora si continui a circolare con una vettura sospesa dalla circolazione in attesa della revisione, la multa può variare da 1.941€ a 7.767€, con attuazione del fermo amministrativo del veicolo per 90 giorni.

Come verificare se la revisione è scaduta?

Come verificare revisione auto

Che le scadenze possano passare di mente e ci si ritrovi a scoprire che la revisione è scaduta durante un normale controllo per strada non è certo raro. A parte consultare la documentazione in tuo possesso, esiste un un modo semplice e pratico con cui verificare se sei in regola con questo adempimento.

Il Portale dell’Automobilista, canale ufficiale del Dipartimento per i Trasporti, mette a disposizione degli utenti una specifica sezione. Basterà andare sul sito alla voce Servizi Online e selezionare Verifica Ultima Revisione. Dopo aver inserito il numero di targa e il tipo di veicolo potrai risalire alla data dell’ultima revisione. Facendo due conti ti accorgerai subito se hai già passato la scadenza o meno!

4. Dove fare la revisione e quanto costa?

L’officina di fiducia è sempre un’ottima scelta per effettuare la revisione, ma è importante assicurarsi che essa sia autorizzata al Ministero dei Trasporti. In alternativa è possibile rivolgersi all'ACI o alla Motorizzazione civile. In quest'ultimo caso sarà necessario compilare un apposito formulario (modello TT 2100), prenotare l’appuntamento e presentarsi alla sede di riferimento.

Ovunque ci si rechi per sottoporre l'auto alla verifica periodica, è bene ricordare di portare con sè la carta di circolazione in originale. In più, nel caso della Motorizzazione, dovrai esibire modulistica compilata e attestazione di versamento dell'imposta dovuta, sul conto corrente postale n.9001.

La differenza fra le sedi preposte allo svolgimento della revisione sta sicuramente nei costi. Per cui la domanda da farsi è quanto costa fare la revisione?

Costi revisione

  • Motorizzazione civile: 45€, costo stabilito da apposita normativa.
  • ACI: 62,25€ quota fissata dal Ministero dei Trasporti.
  • Officine autorizzate: 66,80€ (45€ + 9,90€ di IVA + 10,20€ di diritti alla Motorizzazione + e 1,80€ di bollettino).

5. Quale può essere l’esito di una revisione?

Durante la revisione il tecnico posiziona l’auto sul ponte sollevatore oppure sulla fossa di ispezione, poi sui rulli e sulle piastre di frenatura.

L’unica cosa che tu come proprietario puoi fare a questo punto è solo di aspettare il responso, che, come in tutti gli esami, potrebbe non essere quello che ti aspettavi.

Gli esiti della revisione sono molto precisi, un po’ come i voti a scuola. Ecco quali sono e cosa succede a seconda del verdetto:

Revisione-auto-esito-regolare

REGOLARE: il veicolo ha superato i controlli e il veicolo viene considerato idoneo alla circolazione fino alla successiva revisione prevista.

Revisione-auto-esito-ripetere

RIPETERE: il veicolo non ha superato le prove tecniche, può circolare ma deve fare una nuova revisione entro un mese.

Revisione-auto-esito-ripetere-sospeso

RIPETERE - SOSPESO DALLA CIRCOLAZIONE: il veicolo non ha superato i controlli, può circolare solo entro la giornata e ad una velocità massima di 40km/h, per raggiungere il meccanico più vicino.