Carta di circolazione auto: di cosa si tratta e come leggerla

La carta di circolazione è il documento identificativo di un’auto. Senza di esso, infatti, non è possibile circolare.

Il libretto di circolazione, altro nome con cui è nota la carta, contiene i dati tecnici dell’auto e viene rilasciato dalla Motorizzazione Civile.

Il Codice della Strada vieta severamente la circolazione senza libretto e dispone, oltre all’eventuale ritiro, multe e sanzioni. Inoltre la carta di circolazione rientra fra i documenti di cui devi essere in possesso per vendere la tua auto.

Tramite il libretto è possibile risalire a molte informazioni. Per una corretta lettura della carta di circolazione, però, è necessario conoscere un'apposita legenda di codici. In questa pagina scoprirai come leggere il libretto e come utilizzare questo documento.

Valutazione
online
Prendi appuntamento
per vendere

Valuta online la tua auto

Ottieni una perizia non vincolante

Vendi solo se lo vuoi

1. Carta di circolazione: cos'è e quali informazioni contiene?

La carta di circolazione è una sorta di documento di identità del veicolo e viene rilasciata al momento dell'immatricolazione o della reimmatricolazione di un'auto, insieme al numero di targa.

Essa attesta che l’auto è idonea alla circolazione su strada e che possiede tutti i requisiti, previsti dalla Motorizzazione, per viaggiare in sicurezza.

Le principali informazioni contenute nelle quattro parti di cui il libretto si compone sono:

  • Marca, modello e anno di immatricolazione del mezzo
  • Pneumatici omologati
  • Classe di emissione (euro 3,4,5...)
  • Consumi dichiarati
  • Potenza massima

Carta di circolazione provvisoria

In fase di immatricolazione, è possibile che il Dipartimento per i trasporti ti consegni in prima istanza una Carta di circolazione provvisoria.

Essa avrà una durata massima di 90 giorni.

2. Come leggere la carta di circolazione?

Leggere la carta di circolazione non è così intuitivo. Se stai cercando un dato particolare, devi sapere che esiste una specifica legenda.

I codici della carta di circolazione, infatti, sono stabiliti da una norma comunitaria, la (Direttiva 1999/37/CE), che uniforma il documento in tutta l'Unione Europea. Ecco quali sono e a cosa corrispondono.

Legenda carta di circolazione

  • A: Targa dell’auto
  • B: Prima immatricolazione
  • C: Dati intestatario della carta di circolazione
  • C.3: Persona fisica che può utilizzare il mezzo oltre al proprietario
  • D: Marca, modello e denominazione commerciale
  • E: Numero del telaio
  • F: Massa
  • H: Durata di validità, se provvisoria
  • I: Data di immatricolazione alla quale si riferisce il libretto
  • J.1 e J.2: Destinazione e uso e Carrozzeria
  • O: Massa ammessa a rimorchio
  • P.1: Cilindrata
  • P.2: Potenza massima in kilowatt
  • P.3: Tipo di alimentazione (benzina/diesel)
  • P.4: Regime in giri/min al quale è espressa la potenza
  • P.5 : Numero di serie del motore
  • S; S.1: Posti a sedere; numero di posti a sedere compreso il conducente
  • T: Velocità massima
  • U: Rumorosità in decibel
  • V : Emissioni inquinanti
  • V.1; V.2; V.3; V.4; V.5 : Co2; HC; NOx; particolato (per motori diesel)
  • V.9: Classe di emissioni inquinanti (Euro 1, Euro 2, Euro 6, ecc…)
  • W: Capacità del serbatoio

Il numero della carta di circolazione è un altro dei dati che potrai trovare su questo documento. Si tratta del numero identificativo e si trova nel primo quadrante a fianco alla sigla I, indicante l'Italia come paese di rilascio.

Leggere la carta di circolazione

Clicca per ingrandire

3. Quando serve leggere la carta di circolazione?

La lettura della carta di circolazione è molto utile. Questo documento fornisce infatti alcune informazioni indispensabili in diversi frangenti. Ecco alcuni esempi:

  1. non sai se puoi circolare in città a cause dei blocchi al traffico: le recenti normative sul blocco alle auto inquinanti hanno imposto non poche restrizioni, ma non tutte le vetture sono interessate. Se vuoi sapere se la tua auto è un Euro 0,1,2,3,4 5 o 6 non devi far altro che consultare la carta di circolazione alla voce V9.
  2. hai ereditato un’auto e vuoi sapere se puoi venderla: leggere la carta di circolazione ti sarà utile per sapere qual è il nome del proprietario del veicolo. Nel caso in cui la carta di circolazione non sia ancora aggiornata con il tuo nome, dovrai rivolgerti alla Motorizzazione civile. Leggi di più sul passaggio di proprietà auto di un defunto.
  3. vuoi sapere quanto vale la tua auto usata: alcune informazioni essenziali per conoscere il valore di un’auto sono proprio la marca, il modello e l’anno di prima immatricolazione del veicolo. Ti basterà consultare la voce D1 e D2. Poi, potrai rivolgerti ad un concessionario o utilizzare i servizi gratuiti di valutazione auto online.

Se non hai a portata di mano la carta di circolazione l’alternativa per verificare in modo completo e accurato certi dati è quella di richiedere una visura PRA, procedura questa che ha un costo.

Valutazione gratuita del tuo veicolo in un clic

4. Circolare senza carta di circolazione in auto

Oltre ai dati contenuti, la carta di circolazione in quanto documento identificativo è obbligatorio in fase di circolazione.

Questo significa che è vietato circolare senza libretto a bordo dell’auto.

Al pari della patente, infatti la carta di circolazione è il secondo documento richiesto dalle Forze dell’ordine in caso di controlli. La frase intimata dagli ufficiali in servizio "patente e libretto" è diventata proverbiale.

Ricorda che la carta di circolazione deve essere esibita in originale. Avere la fotocopia del libretto, quindi, non ti farà evitare una multa!

Cosa si rischia in caso di circolazione senza libretto in auto

L’articolo 180 del Codice della Strada prevede l’applicazione di una sanzione amministrativa che varia dai 40€ ai 168€ per chi guida un'auto senza carta di circolazione a bordo.

Il conducente sarà invitato a presentarsi presso gli uffici indicati dall’agente e qui sarà necessario esibire il documento originale

Se non ti presenti entro la data indicata agli uffici competenti, verrà applicata un’ulteriore sanzione, il cui valore oscilla fra i 419€ e i 1682€.

5. Quando si verifica il ritiro della carta di circolazione?

Anche la carta di circolazione come la patente può essere ritirata.

Il ritiro del libretto si verifica in caso di:

  • revisione scaduta: in tal caso infatti l’auto non è stata controllata da un tecnico;
  • mancato aggiornamento delle informazioni, fra cui i dati del proprietario;
  • utilizzo del mezzo non autorizzato: ad esempio se il numero dei passeggeri è superiore a quello per cui l’auto è omologata.

Cosa fare in caso di carta di circolazione ritirata?

Non appena la carta di circolazione viene ritirata, l’agente incaricato stila un verbale e rilascia un documento provvisorio. Con questo potrai guidare l’auto fino al primo parcheggio.

Non è infatti possibile guidare un certo veicolo senza carta di circolazione o con libretto ritirato.

Ecco come procedere per riavere la carta di circolazione:

  • paga la multa tramite il bollettino precompilato
  • recati alla Motorizzazione Civile con la ricevuta di pagamento
  • compila la modulistica per richiedere una nuova carta di circolazione
  • fai la revisione auto
  • torna in Motorizzazione dopo un paio di giorni per il rilascio del libretto