Tutti i documenti per vendere un'auto in sicurezza

Gestire i documenti per vendere auto non è facile! Cerchi una soluzione veloce? Vendi a noi: ci occupiamo gratis delle pratiche! Inizia dalla valutazione!

Vendere auto non significa solo trovare il giusto acquirente e stabilire il giusto prezzo. La burocrazia svolge infatti un ruolo importante.

Per questo sono richiesti alcuni specifici documenti per il passaggio di proprietà e per l'atto di vendita. Se vuoi evitarti le noie delle pratiche auto e preferisci una vendita veloce, prova noicompriamoauto.it.

Tutta la burocrazia è a nostro carico e senza costi per te! Valuta online in 2 minuti, con il nostro calcolatore, prendi un appuntamento in filiale e vendi in 24 ore!

Valutazione auto gratuita in soli 2 passaggi

Valutazione online
gratuita

Ricevi il prezzo finale di vendita:
da casa o in filiale

Vendi solo se lo vuoi
& con pagamento rapido

1. Documenti per vendere auto: chi deve presentare cosa

Vuoi vendere la tua auto ma non sai quali sono i documenti da preparare? In effetti, al di là del trovare l’acquirente ideale il primo ostacolo da sormontare è la burocrazia.

Nello specifico, i documenti sono richiesti in due fasi fondamentali: la stipula dell’atto di vendita della macchina e il passaggio di proprietà.

Non sarà solo chi vende a doversi munire dell’apposita documentazione, ma anche l’acquirente non dovrà trovarsi impreparato. Vediamo dunque nel dettaglio quali sono i documenti per vendere un’auto, nelle diverse fasi.

2. Documenti passaggio di proprietà auto

Per quanto riguarda il passaggio di proprietà, è necessario munirsi dei seguenti documenti:

  • certificato di proprietà dell'auto in formato cartaceo o digitale
  • carta di circolazione o fotocopia
  • atto di vendita
  • documento di identità dell'acquirente o eventuale traduzione certificata se il documento è in lingua straniera
  • codice fiscale dell’acquirente
  • permesso di soggiorno valido se chi compra è extracomunitario;
  • delega se la procedura viene svolta da personale incaricato.

Tali carte dovranno essere presentate presso uno STA (Sportello Telematico dell'Automobilista) dell’ACI, in aggiunta a 2 moduli, da compilare direttamente presso lo sportello:

  • il modulo NP3C, per nota di presentazione al PRA, trascrivibile anche sul retro del certificato di proprietà;
  • il modulo TT2119 per la richiesta di aggiornamento della carta di circolazione.

Se l’auto oggetto della vendita è stata ereditata e ci sono più eredi, la documentazione da presentare e i passaggi per completare le volture sono maggiori.

Auto senza libretto di circolazione: come funziona il passaggio di proprietà

Non è possibile effettuare il passaggio di proprietà per un'auto senza libretto di circolazione.

Pertanto nel caso in cui tu lo abbia smarrito, perso o ti sia stato rubato, dovrai subito farne la denuncia presso le Forze dell'Ordine. Questi ti rilasceranno un documento provvisorio che non sarà sufficiente, però, ai fini del passaggio.

Una volta fatta la denuncia, dovrai quindi fare una richiesta di urgenza e recarti direttamente presso gli uffici della Motorizzazione per avere il duplicato originale. Senza la richiesta di urgenza infatti i tempi di attesa di aggirano intorno ai 30 giorni.

3. Atto di vendita auto: come prepararlo e quali documenti servono

Come abbiamo visto fra i documenti per il passaggio di proprietà, non deve mancare l’atto di vendita.

L'atto di vendita auto è un vero e proprio contratto di acquisto e riporta con esattezza i dati di venditore e acquirente e il prezzo di vendita stabilito.

Per stilare l’atto di vendita di un'auto dovrai munirti dei seguenti documenti:

  • documenti di identità validi sia dell’acquirente che del venditore
  • carta di circolazione in originale
  • certificato di proprietà in formato cartaceo o digitale
  • marca da bollo da 16€

L’atto di vendita può essere redatto con dichiarazione unilaterale e firma del solo venditore, in forma bilaterale o con atto pubblico. Se il venditore è in possesso del certificato di proprietà, l'atto di vendita auto sarà riportato direttamente sul retro del documento cartaceo.

La firma riportata però deve essere autenticata. In questo modo viene garantita la data in cui è avvenuta la vendita.

Per l'autenticazione dell'atto di vendita di un'auto è possibile recarsi presso:

  • Il Pubblico Registro Automobilistico (PRA);
  • Gli uffici comunali;
  • Gli uffici della Motorizzazione Civile (DTT);
  • I notai (in questo caso, però, bisogna pagare).

Ricorda di munirti di una marca da bollo dal costo di 16,52 Euro e un documento d’identità valido.

Quanto costa autenticare l’atto di vendita di un'auto?

Secondo l’art.7 della legge n. 248/2006, l’autenticazione avviene presso gli uffici del PRA (Pubblico Registro Automobilistico), del DTT (uffici della Motorizzazione Civile) e dello STA (Sportello Telematico dell'Automobilista) senza alcun costo, salvo i diritti di segreteria di 0,52 Euro e l'imposta di bollo del valore di 16,00 Euro.

Atto di vendita auto: casi particolari

Nel caso in cui l’acquirente dovesse essere una persona giuridica - ovvero una società di persone o di capitali - sarà necessaria la dichiarazione sostitutiva redatta dal rappresentante legale dell’azienda.

Infine, qualora l’acquirente fosse un cittadino non italiano che risiede regolarmente in Italia, dovrà allegare all’atto di vendita anche il permesso di soggiorno (e nel caso in cui questo permesso fosse scaduto, aggiungere una copia della richiesta di rinnovo).

4. Alcuni consigli sui documenti per vendere un auto

Raccogliere e gestire i documenti per vendere auto richiede tempo e attenzione al fine di evitare errori che potrebbero costare multe e inconvenienti vari.

Affidarsi ad una agenzia di pratiche auto risolve molti problemi, ma ovviamente questo comporta una spesa aggiuntiva.

Se scegli di vendere l’auto ad un concessionario, la pratica è più snella, ma il margine di guadagno ne risente.

Tieni presente che in caso di vendita a un concessionario, l’atto di vendita e il passaggio di proprietà vengono sostituiti dalla minivoltura o da pratiche alternative.

Per una gestione perfetta di documenti e pratiche auto

Sei alla ricerca di un servizio che si occupi gratuitamente di tutta la documentazione e che ti consenta di vendere la tua auto in modo facile e veloce?

Allora prova noicompriamoauto.it, un partner serio e professionale che ti offre:

  • Una doppia quotazione online e in filiale senza impegno.
  • Un'offerta d’acquisto basata sul valore reale del mezzo
  • Il disbrigo di tutte le pratiche auto senza costi aggiuntivi per te.
  • Pagamento immediato tramite bonifico bancario tracciabile.

Come funziona il nostro servizio, gratis e senza impegno? Basta seguire tre semplicissimi passaggi:

  1. usa il calcolatore online per ottenere la valutazione;
  2. portaci la tua auto in filiale per una perizia dal vivo;
  3. ricevi l’offerta in 30 minuti: potrai decidere se accettare o meno, senza vincoli;

La nostra esperienza pluriennale e la nostra trasparenza ci hanno reso veri esperti nel settore in tutta Europa.

Valutazione auto gratuita in soli 2 passaggi

5. Quali sono i documenti per vendere a noicompriamoauto.it

Se decidi di accettare la nostra offerta, disporremo noi tutti i documenti di vendita, che ti saranno consegnati in filiale, nel giro di pochi minuti.

Le carte che ci dovrai portare con te per completare la pratica sono:

  • il documento di identità;
  • il codice fiscale;
  • la carta di circolazione o foglio complementare;
  • il certificato di proprietà.

Se hai con te tagliandi, ricevute e scontrini attestanti la manutenzione, saremo lieti di visionarli. Li terremo in considerazione per la quotazione finale.

6. Documenti per vendere auto: cosa controllare?

Prima di cedere definitivamente l’auto ad un potenziale acquirente ti consigliamo di fare un controllo preventivo su tutti i documenti per vendere auto.

Le truffe nel settore della vendita auto sono particolarmente frequenti e una verifica dei documenti è senz'altro un passo importante da compiere.

I documenti da controllare prima di firmare qualsiasi contratto sono: il documento di identità che deve essere in corso di validità, la patente e il codice fiscale.

Tramite patente e carta di identità sarà possibile fare un controllo per assicurarsi che tutti i dati coincidano.

Verifica tramite visura PRA

Un’altra verifica che si rende necessaria a conclusione del processo di vendita è quella dell'avvenuto passaggio di proprietà.

Il nome del nuovo proprietario deve infatti essere iscritto correttamente al PRA (Pubblico registro Automobilistico) a tutela dello stesso venditore.

Se il proprietario del veicolo sei ancora tu come venditore, sarai responsabile legale e fiscale dell’auto, anche se essa è a disposizione del tuo acquirente.

Ad esempio: pur essendo l’auto a disposizione dell’acquirente, sarai ancora tu agli occhi della legge a dover pagare il bollo auto.

In questo caso ti consigliamo di affidarti ad un altro documento fondamentale nella vendita di un usato: la visura PRA.

7. Vendere auto senza documenti: è possibile?

Non è consentito dalla legge procedere con il passaggio di proprietà o l’atto di vendita senza i documenti di cui abbiamo parlato sopra.

Se però ti accorgi di aver smarrito la carta di circolazione, il certificato di proprietà o il foglio complementare puoi procedere subito con la denuncia, seguendo le istruzioni che trovi in queste pagine

Vendere auto senza targa

Oltre ai casi visti sopra, potrebbe succedere che tu voglia vendere un'auto sprovvista di targa. Anche in questo caso va detto che la targa è un vero e proprio documento per la vendita dell’auto.

In caso di furto, smarrimento o distruzione di una o di entrambe le targhe dell'auto che vuoi vendere, potrai sporgere denuncia alla Polizia o ai Carabinieri entro 48 ore da quando ne hai preso atto.

Se dopo 15 giorni dalla denuncia la targa non è stata rinvenuta, potrai procedere con la reimmatricolazione dell'auto al PRA.

Vendere auto senza bollo

Se ti sei accorto che il bollo dell'auto che vuoi vendere non è stato pagato, dovrai saldare il conto in sospeso a cui verrà aggiunta una multa.

Questa consiste nel pagamento, per ogni giorno di ritardo, di una percentuale dell'importo che doveva essere versato. La percentuale va dallo 0,01% al 3,75%.

Tuttavia, nel caso in cui il bollo auto non sia stato pagato per 3 anni consecutivi e tu abbia ignorato gli avvisi della Regione, le Forze dell'ordine hanno il permesso di ritirare la Carta di Circolazione, le targhe e cancellare l'auto dal PRA.