Bollino blu auto: cosa sapere sul controllo dei gas di scarico

Il bollino blu è una certificazione obbligatoria che attesta l’avvenuto controllo periodico dei gas di scarico di un'auto.

Tale certificazione viene rilasciata contestualmente alla revisione dell’auto, sia essa a benzina, a diesel, a metano e a GPL.

Chi possiede un’auto dovrà quindi ricordare di ripetere i controlli secondo le scadenze e in caso di esito negativo, fare manutenzione all'impianto di scarico. Circolare senza bollino blu o con bollino blu scaduto, infatti, comporta una serie di sanzioni, proprio per chi guida senza revisione.

Non sai come ottenere il bollino blu o non ti ricordi quali sono le scadenze? In questa pagina troverai tutte le informazioni utili per non incorrere in multe salate.

Valutazione
online
Prendi appuntamento
per vendere

Valuta online la tua auto

Ottieni una perizia non vincolante

Vendi solo se lo vuoi

1. Bollino blu auto: di cosa si tratta

Parlando di bollino blu auto, si intende una certificazione che attesta che la tua auto rispetta i limiti sulle emissioni inquinanti, secondo gli standard e le normative europee.

Il bollino viene rilasciato in occasione della revisione periodica dell’auto. Infatti durante la revisione verranno effettuati alcuni controlli sui valori dei gas inquinanti. In particolare ad essere monitorati sono:

  • per le auto a benzina: emissioni di monossido di carbonio
  • per le auto diesel: grado di opacità
  • per le auto catalizzate: fattore lambda

Se il controllo dei gas dovesse far emergere qualche anomalia rispetto agli standard e ai dati tecnici riportati sulla carta di circolazione, il bollino blu potrebbe non essere rilasciato e l'auto dovrà essere sottoposta a manutenzione.

In genere si tratta di interventi all'impianto di scarico che spesso risultano piuttosto costosi.

2. Ogni quanto va fatto il bollino blu?

Il bollino blu deve essere rinnovato secondo determinate scadenze. I controlli sui gas di scarico delle auto devono infatti essere ripetuti periodicamente.

A tal proposito, il Decreto Liberalizzazioni del Governo Monti, ha stabilito, a partire dal 2012, che la periodicità di rilascio del bollino blu è la stessa della revisione auto.

Pertanto il bollino blu deve essere effettuato secondo la naturale scadenza della revisione periodica, ovvero dopo quattro anni dalla data di prima immatricolazione e successivamente ogni due.

Bollino blu auto

Per fare un esempio: hai un’auto immatricolata nel 2016? Allora il primo bollino blu dovrà essere rilasciato nel 2020 insieme alla prima revisione. I controlli dovranno poi essere ripetuti nel 2022.

Prima del 2012 lo scenario era diverso. La scadenza del bollino blu, infatti, cambiava da Comune a Comune e il controllo dei gas doveva essere eseguito ogni due anni indipendentemente dalla revisione.

Come verificare la scadenza del bollino blu della tua auto?

Non ricordi quando hai fatto l’ultima revisione e l’ultimo bollino blu? Basterà utilizzare il servizio online: Verifica Ultima Revisione del Portale dell’Automobilista.

Non dovrai far altro che inserire in numero di targa, selezionare il tipo di veicolo. Visualizzerai subito la data dell’ultima revisione effettuata. Basterà fare due conti, per scoprire se sei in regola o meno con il bollino blu auto.

3. Bollino blu auto: dove ottenerlo?

Come abbiamo detto, il bollino blu viene rilasciato durante la revisione periodica dell’auto. Potrai quindi rivolgerti a:

  • Officine e Centri autorizzati
  • ACI (Automobile Club d’Italia)
  • Motorizzazione Civile

Nel caso tu decida di rivolgerti alla Motorizzazione Civile, l’iter da seguire è il seguente:

  • presentare domanda compilata su modello TT21100, disponibile presso gli uffici della Motorizzazione o scaricabile online, sul Portale dell’Automobilista;
  • prenotare la prova del veicolo e i test sui gas di scarico;
  • esibire la carta di circolazione del mezzo.

Tieni presente che le tempistiche presso la Motorizzazione sono più lunghe rispetto ai centri privati o all’ACI.

Valutazione gratuita del tuo veicolo in un clic

4. Quanto costa il bollino blu?

Il costo del bollino blu è incluso nell’importo da pagare per la revisione periodica.

La spesa da sostenere è unica ed effettuando il pagamento per la revisione, pagherai allo stesso tempo anche il bollino.

Per ottenere il bollino blu per la tua auto, quindi, i costi variano a seconda di dove effettui la revisione. Nello specifico:

Costo del bollino blu auto

  • Presso le officine o i centri revisione autorizzati: 66,88€;
  • All’ACI (Automobile Club d’Italia: 65,25€ + 25,00€ per non soci;
  • Presso la Motorizzazione Civile: 45,00€.

Come effettuare il pagamento?

Se ti rivolgi all’ACI o alle officine private potrai effettuare il versamento direttamente in loco sia in contanti che in bancomat.

Nel caso invece in cui tu preferisca la Motorizzazione Civile, ricorda che prima di prenotare l’appuntamento per i test tecnici, dovrai effettuare il versamento di quanto dovuto tramite bollettino su c/c 9001, intestato al Dipartimento Trasporti Terrestri.

Il versamento potrà essere effettuato:

  • direttamente presso gli Uffici Postali
  • online tramite il servizio Paga Online di Poste Italiane.

5. Cosa si rischia con auto senza bollino blu?

Circolare senza aver fatto i dovuti controlli sui gas di scarico della propria auto comporta una serie di sanzioni.

Se durante un normale controllo verrai trovato senza bollino blu o con revisione scaduta, viene applicata una multa che varia dai 159 ai 639€.

La cifra tuttavia può essere persino raddoppiata qualora i controlli siamo stati omessi per più anni consecutivi.

Inoltre, le Forze dell’Ordine possono disporre il ritiro del libretto di circolazione del veicolo.

E’ obbligatorio esporre il bollino blu sul parabrezza dell’auto?

L’articolo 11 del decreto Semplificazioni ha stabilito che non è più necessario esporre in modo visibile il bollino blu, a seguito dei controlli sui gas di scarico.

Sarà sufficiente tenerlo insieme agli altri documenti del veicolo e mostrarlo in caso di verifica.